Category

Notizie HOME

Microcredito: appunti sulla relazione biennale

By | Notizie, Notizie HOME | No Comments

MagVenezia e Micro.MAG hanno partecipato, con due nostre giovani socie,  alla presentazione a Roma della Relazione Biennale sul Microcredito organizzata dall’Ente Nazionale per il Microcredito.
Condividiamo con voi alcune impressioni sulla giornata.

Cari con-soci,
Oggi abbiamo avuto il piacere di assistere alla presentazione della Relazione biennale sulle attività di microcredito e microfinanza da parte del presidente dell’Ente Nazionale Microcredito Mario Baccini. Vi riportiamo un breve resoconto dell’incontro: durante l’introduzione, a cura del prof. Petroni [presidente del Comitato Scientifico ENM], è stato sottolineato il ruolo del microcredito come operazione economica conforme al quadro della “economia sociale di mercato”. Il prof. Baccini ha poi estensivamente presentato i dati riguardanti le attività dell’Ente dal 2015 ad oggi, avanzando anche alcune proposte elaborate al fine di permettere una crescita dello stesso: alcune di esse sono l’innalzamento del massimale delle operazioni di microcredito a 50mila euro, e l’obbligatorietà dei servizi di assistenza e tutoraggio in qualsiasi operazione di microcredito (ovvero anche per le “operazioni di importo ridotto”). Ha inoltre illustrato alcune novità come l’introduzione dell’Elenco nazionale obbligatorio dei tutor del microcredito (la cui documentazione è stata resa recentemente disponibile online). Infine, il dott. De Rita [segretario generale CENSIS] ha presentato una lucida analisi del rapporto, articolata su due piani: il primo volto ad indicare le ragioni del successo del microcredito (principalmente la capacità di elaborare strumenti di intervento differenziati basati sull’analisi non superficiale degli utenti del servizio), il secondo le linee della sua contestualizzazione nella società contemporanea quale raro esponente superstite dei “corpi intermedi” ai quali era affidata la garanzia della coesione del sistema sociale.
Rimaniamo a disposizione di quanti volessero ricevere un resoconto più dettagliato ed il testo dell’intervento del presidente Baccini. Provvederemo certamente durante la prossima assemblea dei soci a presentare anche di persona un breve riassunto della giornata.
Un caro saluto a tutti,
F&I

Date Consiglio di Amministrazione secondo semestre 2019

By | Notizie, Notizie HOME | No Comments

Ecco le date delle riunioni del Consiglio di Amministrazione di MagVenezia da luglio fino a dicembre 2019

  • martedì 30 luglio 2019
  • mercoledì 11 settembre 2019
  • mercoledì 16 ottobre 2019
  • mercoledì 13 novembre 2019
  • mercoledì 11 dicembre 2019

Tutti i Consigli si terrano alle ore 18 presso la nostra sede di via Tasso, 15 a Mestre.

Tutti i Soci possono partecipare, invitiamo chi fosse interessato a comunicarci la sua presenza scrivendo a info(at)magvenezia.it

Incontri Soci 2019

By | Notizie, Notizie HOME | No Comments

Caro Socio e Cara Socia,

quest’anno abbiamo bisogno di dedicare un po’ di tempo a confrontarci tutti insieme prima dell’Assemblea Soci di maggio 2019.
Per avere il tempo sufficiente per discutere assieme vi invitiamo a tre appuntamenti come momento di incontro di tutti i soci:
VENERDI’ 22 FEBBRAIO 2019 alle ore 17.30
presso la sede MagVenezia via Tasso, 15 – Mestre
Campagna capitalizzazione, verso la migrazione dei depositi sociali in capitale sociale

VENERDI’ 29 MARZO 2019 alle ore 20.30
presso la sede MagVenezia via Tasso, 15 – Mestre
Verso la nuova squadra di lavoro per il CdA

VENERDI’ 12 APRILE alle ore 17.30
presso la sede MagVenezia via Tasso, 15 – Mestre
Prospettive future – Piano triennale

Sicuri di poter contare sul vostro sostegno ma fiduciosi anche del vostro contributo diretto di idee e proposte VI ASPETTIAMO!

Giornata Mondiale del Risparmio: Mattarella sottolinea il ruolo della finanza etica

By | Notizie, Notizie HOME | No Comments

Finanza etica e educazione finanziaria, attività da sempre realizzate da MagVenezia, nel discorso del Presidente Mattarella.

“L’attenzione all’etica e allo sviluppo, temi chiave di questa 94^ Giornata, sottolinea il valore sociale del risparmio che va ben oltre la sfera individuale e familiare.[…] Lo sviluppo, e quindi la creazione e la diffusione di benessere nel Paese, passa attraverso la capacità di iniziative dirette alla crescita dell’economia reale. Sono quindi particolarmente benvenute le iniziative di finanza etica, attente alla produzione e distribuzione di beni e servizi, e all’impatto sociale delle proprie attività.
Il mese che si conclude è stato dedicato al tema della educazione finanziaria. Vanno incoraggiate tutte le iniziative a questo fine. Acquisire nozioni in materia finanziaria consente ai risparmiatori di gestire in maniera appropriata le loro scelte, sia nel credito sia nel debito, esercitando così una cittadinanza attiva su questo fronte.”

Ecco alcuni passi del messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio, le parole di Mattarella riconoscono una parte importante del  lavoro che MagVenezia pratica dal 1987; è importante sottolineare in occasione di questa giornata come la finanza etica sostenga l’economia reale del territorio, e come l’educazione e l’alfabetizzazione finanziaria sia uno strumento importante da mettere a disposizione di tutti i cittadini.

Invitiamo chi voglia contribuire alla finanza etica  e partecipare alla vita di MagVenezia a passare in sede da noi e contattarci.

Comunità che Supporta l’Agricoltura VENETO

By | Notizie, Notizie HOME | No Comments

 

Incontro per una CSA in Veneto
venerdì 2 febbraio 2018 ore 18
Sede MagVenezia, via Tasso 15, Mestre

 

COS’E’ UNA CSA?
Una Comunità che Supporta l’Agricoltura è un progetto che segue principi di autorganizzazione non gerarchica e di solidarietà, ed è finalizzato all’autoproduzione di cibo sano, locale e sostenibile.
Progetti di questo tipo esistono già in diverse parti del mondo e funzionano felicemente da anni (in alcuni casi decenni), attualmente il fenomeno è in rapido aumento. Una CSA rappresenta una possibilità concreta di creare una forma di vita sostenibile anche in città, e di portare ad un cambiamento reale e duraturo delle abitudini e degli stili di vita, delle modalità di consumo e di produzione.
All’inizio di ogni anno agricolo c’è un’assemblea, durante la quale viene discusso e approvato un piano di coltivazione: ci si chiede di quante zucchine ha bisogno una persona in un anno, di quanti pomodori, e così via. Si fa un piano di produzione per capire gli spazi, i costi, i materiali, la manodopera necessaria (in termini di ore di lavoro e di un pagamento che assicuri una sopravvivenza dignitosa ai contadini) fino ad arrivare ad una cifra di costo complessivo.
Tale cifra viene divisa rispetto al numero di persone interessate (in realtà al numero di quote poiché più persone possono aderire assieme partecipando con un’unica quota).
Poi parte un’asta segreta dove chiunque può offrire quanto vuole (in rapporto a quanto può), di più o di meno della cifra media necessaria, paradossalmente anche nulla, si ripete l’asta finché non si raggiunge la cifra necessaria.
I contadini sono responsabili che la produzione avvenga nel miglior modo possibile, i partecipanti possono decidere se e quanto recarsi nei campi per vedere cosa succede e per capire e per imparare mettendo le mani nella terra in prima persona nell’occasione di momenti didattici. Infatti, oltre all’assemblea di bilancio sono previsti altri incontri per prendere decisioni su come sviluppare la CSA, che nuove colture inserire, come gestire gli spazi e gli strumenti, rendendo il progetto in continua evoluzione ed ampliamento. Ma sopratutto sono previsti anche incontri conviviali, attività sociali, formative, culturali, e molto altro a seconda dei desideri e delle possibilità… Tali attività, favorendo la socializzazione, rinforzano la comunità ed aumentano la ricchezza comune.
I partecipanti potranno ritirare settimanalmente il cibo prodotto in punti di raccolta, non vengono fatte cassette individuali ma c’è la responsabilità di prendere quando pattuito stando attenti a non lasciare agli altri soltanto il cibo peggiore: è un efficace e continuativo esercizio di condivisione e di
solidarietà!
Invece che il contadino debba inventarsi quanto cibo produrre e poi sperare di venderlo, il cibo viene quindi commissionato, il consumatore finale è anche il manager, il dirigente e il proprietario… Il contadino è membro stesso della comunità ed eventuali imprevisti postivi e negativi come danni al raccolto ed eccedenze, ricadono su tutta la comunità.
La CSA mostra che l’utopia è immediatamente possibile: la sua stessa esistenza è l’esempio tangibile di un futuro diverso e migliore e molto, molto vicino!
La diffusione di questo progetto non farà che ispirare e incoraggiare altre persone a fare scelte simili!
Se questo meccanismo funziona per il cibo, perché non si può fare per tutto il resto?
Abbiamo intenzione di iniziare con gli ortaggi, aggiungendo poi cereali e altri tipi di cibo, una volta coperte completamente le necessità alimentari si potrà pensare al resto: vestiti, oggetti, abitazioni, educazione, crescita culturale, intrattenimento, eccetera… Tutto questo porterà a diminuire sempre di
più le necessità di acquistare beni e servizi da un mercato esterno, aumentando la resilienza, la forza e l’ampiezza della comunità.

A CHE PUNTO SIAMO?
Siamo un gruppo di produttori biologici, consumatori, amanti dell’ecologia, giovani, attivisti, famiglie e stiamo costruendo una CSA nel Veneto!
Siamo in contatto diretto con Arvaia una CSA di Bologna che funziona particolarmente bene da più di cinque anni, stanno condividendo con noi la loro esperienza, le competenze e gli strumenti che hanno raccolto e sviluppato nel tempo.
Abbiamo già effettuato per tutto l’anno scorso una prima sperimentazione di successo all’interno del GAS di Preganziol e siamo pronti a partire veramente!
Il progetto per ora fa parte del distretto di economia solidale Oltreconfin, e trova il suo luogo di produzione principale nella fattoria didattica e sociale Rio Selva a Preganziol .
Manca pochissimo: il 18 Febbraio faremo la prima assemblea ufficiale (con tanto di asta!) allargando l’area a Treviso, Mestre e Venezia… in una prima fase la produzione rimarrà a Preganziol, mentre verranno organizzati punti di distribuzione attorno ai quali raccogliere sottogruppi a seconda di dove sono dislocati i partecipanti (probabilmente uno per Treviso, uno a Mestre, uno a Venezia). Appena questi nuclei saranno abbastanza grandi da poter avere una produzione autonoma si penserà ad aggiungere altre realtà agricole più vicine per favorire la partecipazione dei soci.
Per il resto il processo è aperto, partecipativo, tutto da definire assieme!

COSA POSSO FARE?
Il 2 Febbraio faremo un incontro di presentazione presso la cooperativa MagVenezia a Mestre per raccontare in dettaglio il progetto e raccogliere le adesioni e manifestazioni di interesse. Ci vediamo lì!
Se sei interessato/a a partecipare scrivi  una mail a CSA Veneto
Parlane con le persone che potrebbero esserne interessate: il momento del cambiamento è adesso!

Domenico e Francesco
per CSA del veneto

Guarda il video

Arvaia. Cittadini coltivatori biologici from claudio domini on Vimeo.

Themes by www.themesfreedownloader.com

www.couponslay.com